Coou

Il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati opera dal 1984 per garantire la raccolta e il corretto riutilizzo degli oli lubrificanti usati, e per informare l'opinione pubblica sui rischi derivanti dalla loro dispersione nell’ambiente.
L'attività di raccolta è passata da 50.000 tonnellate nel 1984 a 192.000 tonnellate di oli usati nel 2010. Questo risultato ha consentito alla rigenerazione di produrre oltre 100.000 tonnellate di basi lubrificanti e 30.000 tonnellate di altri prodotti petroliferi (gasoli e bitume), confermando, così, la leadership europea del nostro Paese in questo particolare processo di trattamento e riutilizzo di lubrificanti usati.
In 27 anni di attività, il Consorzio ha recuperato complessivamente 4,53 milioni di tonnellate di olio usato, con un risparmio di oltre 2 miliardi di euro sulla bolletta energetica italiana.
Le aziende che immettono sul mercato olio nuovo e rigenerato contribuiscono a finanziare i costi della raccolta dell’olio usato e della rigenerazione attraverso il “contributo consortile” come espresso dalla legge 166/09.
Tale contributo è pari a 70 euro per ogni tonnellata di olio immesso al consumo.
×

Login


effettua il login per scaricare i freebook, oppure