I termovalorizzatori del Gruppo Hera

I termovalorizzatori del gruppo Hera nel territorio dell'Emilia-Romagna: dalle caratteristiche tecniche a quelle architettoniche una rassegna sugli impianti esistenti

Lascia una valutazione
“Termovalorizzatore” equivale in inglese a “waste to energy”, espressione che ha il grande merito di segnare in due parole il processo cui sono preposte queste strutture: convertire i rifiuti in energia. I WTE sono infatti quegli impianti che dall’incenerimento dei rifiuti indifferenziati ottengono calore ed energia. L’energia elettrica prodotta da un termovalorizzatore viene poi immessa nella rete di distribuzione nazionale, mentre il calore è trasferito alle abitazioni vicine attraverso un’apposita rete di teleriscaldamento.
Occorre però fare un passo indietro per leggere nella sua interezza questo viaggio dei rifiuti fino al termovalorizzatore e alla loro “valorizzazione” in calore ed energia. Dopo aver svuotato i cassonetti dell’indifferenziato, gli automezzi che si occupano della raccolta dei rifiuti sul territorio arrivano all’impianto dove rovesciano il loro carico nella fossa di stoccaggio. Movimentati da un grande braccio meccanico, che li preleva dalla fossa di stoccaggio, i rifiuti vengono immessi in una camera di combustione dove il rifiuto si incendia spontaneamente per effetto del suo elevato potere calorifico e dell’alta temperatura presente nella camera, quindi senza che sia necessario l’apporto di combustibile fossile.
A questo punto del processo, il rifiuto incenerito produce gas che vengono convogliati in una camera di postcombustione, in cui si completa la reazione di ossidazione, immettendo fumi di ricircolo e aria secondaria.
Il calore sviluppato dalla combustione del rifiuto viene quindi ceduto all’acqua che scorre nei tubi di un generatore di vapore: si produce così vapore surriscaldato che alimenta un impianto di cogenerazione, composto da una turbina a vapore a condensazione, collegata a un generatore elettrico di tipo sincrono. È questo il momento in cui avviene la produzione combinata di elettricità e calore.
La pubblicazione bilingue (italiano-inglese) del Gruppo Hera racconta proprio questa “storia”: come funzionano e quali sono i suoi impianti di termovalorizzazione, strutture al servizio di oltre 2,7 milioni di abitanti delle province di Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. Nel solo 2009, dalle 734 mila tonnellate di rifiuti termovalorizzati da Hera, sono stati prodotti 413 GWh di energia elettrica: una produzione che entro il 2014 il Gruppo stima di portare a 670 GWh, l’equivalente dei consumi di circa 250.000 famiglie.

Gruppo Hera

Nata nel 2002 dall'aggregazione di 11 aziende municipalizzate emiliano-romagnole, prima esperienza nazionale di questo tipo, nel tempo Hera ha intrapreso un cammino di crescita costante ed equilibrata, incorporando nel Gruppo altre società attive negli stessi ambiti. Hera, quotata in Borsa dal 2003, ha compiuto 15 anni il 1° novembre 2017 ed è oggi tra le maggiori multiutility nazionali, operativa principalmente nei settori ambiente (gestione rifiuti), idrico (acquedotto, fognature e depurazione) ed energia (distribuzione e vendita di energia elettrica, gas e servizi energia). Si aggiungono poi l’illuminazione pubblica e i servizi di telecomunicazione. Una pluralità di servizi in continuo e costante sviluppo, che rispondono alle cinque leve su cui si basa l'impianto strategico del Gruppo: crescita, efficienza, eccellenza, innovazione e agilità.

Nel panorama dei servizi pubblici italiani, la leadership del Gruppo Hera è già nei numeri: quasi 9.000 dipendenti che soddisfano i bisogni di 4,4 milioni di cittadini in circa 350 comuni dell'Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Toscana e Veneto.

Lettera del Presidente

1. Impianti all’avanguardia per un grande territorio
2. Il Gruppo Hera
3. Herambiente: la gestione dei rifiuti
4. La termovalorizzazione
5. La tecnologia
6. L’impianto di Bologna
7. L’impianto di Rimini
8. L’impianto di Forlì
9. Ravenna rifiuti speciali
10. L’impianto di Ferrara
11. L’impianto di Modena
12. L’impianto di Ravenna
13. Le soluzioni architettoniche
14. Comunicare la termovalorizzazione


Portfolio
PAROLE CHIAVE:
Rifiuti - Riciclo - Termovalorizzazione
Scaricato: 600 volte
Pubblicazione: 2010
Numero pagine: 158
PER SCARICARE IL PDF È NECESSARIO
ISCRIVERSI O EFFETTUARE IL LOGIN
×

Login


effettua il login per scaricare i freebook, oppure