logo freebook ambiente
effettua il login per scaricare i freebook, oppure
hai dimenticato la password?
cerca per parole chiave
 
Per scaricare questo volume bisogna nel Network di Edizioni Ambiente oppure, se si è già iscritti, effettuare il login (a destra in alto in questa pagina)

Gestione degli oli usati

Rapporto di sostenibilità 2011

Scaricato: 255 volte
Editore: Coou
pubblicazione: 2012
pagine: 67
 
Il Rapporto di Sostenibilità 2011 del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati (Coou), redatto seguendo le rigorose Linee Guida del Global Reporting Initiative, illustra con trasparenza e puntualità le performance di un anno di lavoro nella gestione del rifiuto pericoloso oggetto del loro impegno: l’olio lubrificante usato.
Il contesto dei lubrificanti è strettamente correlato a difficili andamenti economici non solo italiani ma anche internazionali. E se il Coou può ritenersi soddisfatto delle prestazioni di raccolta e rigenerazione ottenute nel 2011, sa anche che la strada per la sostenibilità è ancora lunga: la riduzione dell’impatto ambientale della sua attività rimane un aspetto prioritario.
Con 190 mila tonnellate di olio usato raccolte (pari al 95% del raccoglibile) nonostante la contrazione dei consumi e le circa 170 mila tonnellate avviate alla rigenerazione, il Consorzio ha ottenuto un risultato notevole in un anno di crisi. Questo risultato ha permesso di produrre circa 106 mila tonnellate di oli base rigenerati (pari al 25% del fabbisogno italiano complessivo) a conferma della leadership europea del nostro paese in questo settore. Anche le analisi effettuate sull’olio usato sono in crescita, di circa 10 punti percentuali, dimostrando l’attenzione del Consorzio per la qualità dell’olio da destinare alla rigenerazione.
Poiché il Coou considera prioritario far conoscere la sua attività, il Rapporto di Sostenibilità si è confermato, anno dopo anno, lo strumento ideale per informare stakeholder e istituzioni.
Sommario ▼

Lettera agli stakeholder
Il profilo del Report

Capitolo 1: Gli Highlights del 2011

Capitolo 2: L’identità del Coou

Capitolo 3: Le iniziative di comunicazione

Capitolo 4: La dimensione economica

Capitolo 5: La dimensione ambientale

Capitolo 6: La dimensione sociale

Coou
Il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati opera dal 1984 per garantire la raccolta e il corretto riutilizzo degli oli lubrificanti usati, e per informare l’opinione pubblica sui rischi derivanti dalla loro dispersione nell’ambiente.
L’attività di raccolta è passata da 50.000 tonnellate nel 1984 a 192.000 tonnellate di oli usati nel 2010. Questo risultato ha consentito alla rigenerazione di produrre oltre 100.000 tonnellate di basi lubrificanti e 30.000 tonnellate di altri prodotti petroliferi (gasoli e bitume), confermando, così, la leadership europea del nostro Paese in questo particolare processo di trattamento e riutilizzo di lubrificanti usati.
In 27 anni di attività, il Consorzio ha recuperato complessivamente 4,53 milioni di tonnellate di olio usato, con un risparmio di oltre 2 miliardi di euro sulla bolletta energetica italiana.
Le aziende che immettono sul mercato olio nuovo e rigenerato contribuiscono a finanziare i costi della raccolta dell’olio usato e della rigenerazione attraverso il “contributo consortile” come espresso dalla legge 166/09.
Tale contributo è pari a 70 euro per ogni tonnellata di olio immesso al consumo.

0 voti - devi effettuare il login per poter votare

nessun commento inviato

è necessario fare login per poter commentare

download
Download
in formato pdf
Devi effettuare il login!

© copyright 2012 Edizioni Ambiente srl