#EnviApp: la rubrica ambientale a portata di tap. Oggi parliamo di RAEE

di: Maria Antonietta Giffoni

Non sai dove buttare il vecchio telefonino, il computer rotto, il frigorifero che non va più o la lavatrice che perde acqua? Grazie all'App Junker lo puoi sapere in modo semplice e intuitivo.

Produciamo sempre più rifiuti elettrici ed elettronici
Da sempre l'uomo produce, usa e poi scarta. Ma produrre, usare e scartare porta a coniugare verbi come inquinare l'ambiente, danneggiare gli ecosistemi, sfruttare le risorse con ritmi incessanti e poco sostenibili. Anche la produzione, l'uso e l'alienazione delle apparecchiature elettriche (lavatrici, frigoriferi, televisori, piccoli elettrodomestici, ecc.) ed elettroniche (computer, telefonini, tablet, ecc.) non sfuggono a questi binomi.


Secondo i dati contenuti nel rapporto The Global E-Waste Monitor 2017, in Europa ogni abitante genera circa 17 kg di RAEE all’anno, per un totale di 12,3 milioni di tonnellate annue. Si tratta di un valore medio e, come tale, variabile da Paese a Paese. In Italia, la produzione di rifiuti RAEE è stimata aggirarsi intorno ai 15 kg pro capite.


Si può rispettare l'ambiente quando ci liberiamo del nostro telefonino o della nostra lavatrice? La risposta è sì: molto si può fare grazie all'impegno di consumatori, produttori e amministrazione pubblica. Un impegno coordinato da un sistema voluto dall'Unione europea e volto al corretto trattamento dei rifiuti che derivano da apparecchiature elettriche ed elettroniche.


Ma, la corretta gestione di questi rifiuti passa soprattutto dalla consapevolezza dei consumatori. La raccolta differenziata dei RAEE a livello nazionale riesce a recuperare ancora poco: i kg pro capite raccolti nel 2018 si fermano a 5,14 (dati del "Rapporto Annuale sul sistema di ritiro e trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche" del Centro di Coordinamento RAEE). La consapevolezza del singolo individuo nel suo ruolo di produttore di rifiuti è, perciò, fondamentale per aiutare a fare crescere i tassi di raccolta differenziata di queste apparecchiature al termine della loro vita.


Dove butto il RAEE? Ce lo dice Junker
L'app Junker, messa a punto dalla start up Giunko,  aiuta a fare la differenziata domestica in modo semplice, riconoscendo ogni prodotto con un semplice tap. L'applicazione, disponibile sia sull'App store di Apple che su Google Play, è molto semplice da utilizzare: inquadrando con la fotocamera del proprio telefono il codice a barre del prodotto da smaltire, individua tutti i materiali che lo compongono e, per ognuno, indica il bidone corretto in cui conferirlo, a seconda del luogo in cui ci si trova.

Grazie alla collaborazione con Ecolamp, i RAEE dispongono di una particolare serie di Tag, che consentono la corretta identificazione del prodotto e la visualizzazione di una mappa con i diversi punti di conferimento per questa categoria di rifiuti. I rifiuti da apparecchiatura elettronica, infatti, non sono tutti uguali: le lampadine necessitano di appositi contenitori, i frigoriferi non vanno smaltiti con i telefonini mentre i RAEE di piccolissime dimensioni possono essere consegnati anche presso alcuni punti vendita segnalati.


"Junker nasce dalla volontà di aiutare i cittadini a differenziare rapidamente e correttamente anche i prodotti più difficili, come ad esempio i RAEE, e per contrastare gli abbandoni in discariche abusive, favorendo il riciclo delle materie prime di cui sono composti - spiega Benedetta De Santis, fondatrice di Giunko -  Ma risultati significativi possono essere ottenuti solo grazie al coinvolgimento attivo dei cittadini, che, nell’era delle applicazioni in mobilità, chiedono un servizio semplice e di facile utilizzo. In quest’ottica la collaborazione con il consorzio Ecolamp è particolarmente importante per una categoria di prodotti tra le più ricercate nel nostro database".

Per approfondire
The Global E-Waste Monitor 2017
Il rapporto redatto dall'ITU (Unione internazionale delle telecomunicazioni), in collaborazione con l'Università delle Nazioni Unite

Piccolo manuale di resistenza contemporanea
 Storie e strategie per trasformare il mondo
Un libro di Edizioni Ambiente

×

Login


effettua il login per scaricare i freebook, oppure